Dopo la conclusione delle operazioni di riconteggio delle schede elettorali delle scorse amministrative di Martina Franca avvenuto presso la Prefettura di Taranto, così come disposto dal Tar di Lecce, il Partito Democratico martinese esprime soddisfazione affidandosi alla seguente nota:

“Si è finalmente conclusa la verificazione disposta dal Tribunale Amministrativo Regionale – sezione di Lecce in ordine al ricorso proposto dal candidato Sindaco Pulito. All’esito delle operazioni è emerso un dato che conferma quanto da noi sempre sostenuto: Franco Ancona era il candidato Sindaco legittimato a partecipare al turno di ballottaggio.

L’apertura delle schede ad opera della Prefettura di Taranto ha, infatti, attestato la presenza dei famigerati 30 voti nella sezione 9 e confermato il distacco dal candidato Pulito. In attesa dell’udienza del 21 marzo, che ci auguriamo ponga finalmente fine a questa “storia infinita”, proseguiamo sereni il nostro lavoro in Consiglio Comunale a pieno sostegno del nostro Sindaco Franco Ancona, cogliendo l’occasione per invitare i Consiglieri Comunali eletti nelle liste del candidato Pulito a partecipare ai lavori del Consiglio e a dare il loro contributo nella massima Assise alla quale sono stati eletti dai cittadini”.