IdeaLista, movimento civico di Martina Franca guidato da Michele Marraffa, torna a parlare in seguito all’avvenuto riconteggio delle schede elettorali:

“Oggi finalmente si riesce a percepire perché IdeaLista non ha volutamente partecipato a questa competizione elettorale.

Si sarebbe dovuto da subito recuperare il tempo perduto sui temi del lavoro, dello sviluppo di una città che ambisce a essere accogliente. E invece ci troviamo ancora di fronte alla logica di una politica che vuole i cittadini dipendenti da essa. Tutto ciò è assolutamente distante dalla visione liberale di IdeaLista e la dimostrazione l’abbiamo avuta negli ultimi 10 anni e in particolare negli ultimi 7 mesi, tant’è che ancora oggi stanno discutendo su chi deve amministrare la città a causa di una verifica sull’esito della tornata elettorale.

Non possiamo però esimerci dal richiamo alla necessità della legalità: il risultato del riconteggio sarà garanzia di legittimazione per il governo da parte dell’Amministrazione e per questo fa bene chi chiede la verifica della correttezza delle procedure. Una verifica resasi necessaria anche a causa di alcuni presidenti di seggio, di cui nessuno di noi vuole mettere in discussione la loro buona fede, ma che si sono rivelati incapaci di assolvere al loro compito.

In questo clima politico di oggi finalmente si riesce a percepire perché IdeaLista non ha volutamente partecipato a questa competizione elettorale, perché noi siamo delusi, esattamente quanto lo sono i nostri concittadini, di quanto rappresentato dagli attuali politici di questo nostro territorio. Non partecipare a quest’ultima tornata elettorale è stata per noi la dimostrazione migliore di quanto stiamo dicendo da anni.

Questo clima politico che si è venuto a creare, la pochezza politica di questa Amministrazione, l’inesistenza dell’opposizione che partecipa al Consiglio comunale e i dubbi sull’esito della consultazione elettorale altro non fanno che fomentare i meccanismi dell’antipolitica che contribuiscono a generare quel sentimento di distacco tra cittadini e istituzioni, quando invece IdeaLista sostiene da sempre la necessità di una sempre maggiore partecipazione dei cittadini alle tematiche che riguardano la vita della comunità”.