Nascondeva la marijuana da spacciare vicino alla cuccia del cane, nella sua abitazione di campagna, ma la polizia alla fine lo ha colto in flagrante, mentre prelevava alcune dosi dal “deposito”. E’ accaduto a Ostuni nella serata di mercoledì, quando i poliziotti del commissariato locale hanno concluso un appostamento nei pressi dell’abitazione del 24enne Giovanni Moro con l’arresto del giovane e il sequestro di 40 grammi della sostanza stupefacente.

L’intervento della polizia è scattato non appena Moro, giunto sul posto, è stato osservato mentre armeggiava nei pressi del ricovero del cane, nel giardino dell’abitazione, dove prelevava qualcosa per poi ritornare all’auto per ripartire. Bloccato e perquisito, Giovanni Moro è stato trovato in possesso di un involucro contenente marijuana, nella tasca del giubbotto, e di 75 euro in una tasca dei pantaloni.

Estesa la perquisizione alla casa e al giardino, i poliziotti trovavano all’esterno altre quattro confezioni di marijuana termosaldate, quindi materiale per il confezionamento delle dosi e un bilancino elettronico. Su disposizione del pm Luca Miceli, Giovanni Moro è stato trasferito nel carcere di Brindisi in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto davanti al giudice delle indagini preliminari. pochi giorni gli investigatori del commissariato di Ostuni avevano arrestato due persone, padre e figlio, trovate in possesso di un chilo e mezzo sempre della stessa sostanza stupefacente.