La Fondazione “Bhole Baba” di Cisternino, entità a cui fa riferimento l’Ashram locale, attraverso un post sulla propria pagina Facebook ha informato circa la situazione amministrativa del centro stesso:

“Amici e fratelli,
l’Associazione Bhole Baba che ha gestito l’Ashram di Cisternino, per circa due anni, fino ad ottobre scorso, momento in cui gli è stato revocato il Contratto di comodato d’uso gratuito, è andata via portandosi tutti i soldi rinvenienti dall’attivita’ dell’Ashram stesso.
Inoltre, il Presidente e buona parte dei componenti il C.D. dell’Associazione si sono rifiutati di rimborsare alla Fondazione gli oneri tributari derivanti dalla proprieta’ degli immobili che la Fondazione ha dovuto sostenere nel corso di questo anno, quali IMU, TASI, IRES, Condono Edilizio, solo per citarne alcuni.
Venendo meno, in primo luogo, a precise clausole contrattuali che pure avevano accettato e si erano impegnati a rispettare con la sottoscrizione del Contratto di Comodato d’uso gratuito; in secondo luogo sono venuti meno a quello che venti anni fa definimmo “Patto tra gentil’uomini ” che ha sempre regolato i rapporti tra Fondazione e le varie associazioni di devoti di Babaji, che nel corso degli anni si sono succedute nella gestione dell’Ashram di Cisternino.
E’ l’ultimo atto di una gestione dell’Ashram condotta non con spirito di servizio e improntata al Karma Yoga , bensì ad interessi e tornaconto personali.
Fondazione Bhole Baba”