Gestione innovativa della rete elettrica, mobilità elettrica e partecipazione attiva del cliente per realizzare la prima Smart Region al mondo. Si tratta del progetto Puglia Active Network che nei mesi passati ha cominciato a prendere forma in tutta la regione e che da oggi vede la partecipazione attiva anche di uno dei comuni più famosi al mondo, quello di Alberobello in provincia di Bari dove questa mattina alla presenza del Sindaco Michele Maria Longo, di Gioacchino Marino Cerrato responsabile di E-Distribuzione Puglia e Basilicata e di Francesca Tagliaferro, Project Manager del PAN, sono state inaugurate ben 38 cabine secondarie MT/BT di trasformazione dell’energia elettrica che forniscono energia elettrica a circa seimila clienti e si avvalgono ora di moderni dispositivi smart che consentono il controllo e le gestione attiva della rete per garantire un esercizio ottimale e affidabile ed una elevata qualità del Servizio.

Sempre sul territorio di Alberobello sono state installate tre infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici. Precisamente le tre colonnine saranno a disposizione dei cittadini e dei turisti che transitano per il comune in piazzale Kennedy, nei pressi della stazione ferroviaria, in via Morea e in piazzale Miraglia nei pressi di un grande parcheggio cittadino. Grazie alle colonnine sarà possibile ricaricare agevolmente le auto elettriche e attraversare in piena autonomia la Regione con veicoli a zero emissioni.

Anche i cittadini di Alberobello possono partecipare attivamente a questo innovativo progetto richiedendo gratuitamente il kit Smart Info+ che, associato al proprio contatore elettronico, permetterà a tutti gli utenti di consultare ed analizzare comodamente i propri consumi di energia elettrica.

Grazie a Puglia Active Network tutta la regione migliora le performance mediante una gestione innovativa della rete elettrica. Il progetto di E-Distribuzione vede un investimento di centosettanta milioni di euro grazie anche all’apporto del bando europeo NER 300. Grazie alla sua realizzazione diventeranno “smart” circa il cinquanta per cento delle linee elettriche di media tensione regionali e oltre ottomila cabine saranno in grado di dialogare tra loro attraverso una velocissima rete di telecomunicazione in tecnologia LTE in aree a bassa e media densità abitativa.

La Puglia inoltre è una regione con una elevata presenza di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile e necessita quindi di ottimizzare l’esercizio della rete elettrica, caratterizzata da una forte saturazione. Grazie alle nuove tecnologie smart sarà possibile gestire in maniera ottimale questa produzione frammentata e non programmabile, in modo da consentire l’immissione in rete di una quantità di energia rinnovabile sempre maggiore migliorando allo stesso tempo la qualità del servizio offerto ai cittadini.