L’istituto “Pessina” di Ostuni nuovamente al centro della cronaca: dopo i famosi fatti dell’Aprile 2015, quando caddero dei pezzi di intonaco dal soffitto (da poco ristrutturato) del plesso di viale Pola e due alunni furono feriti con conseguente sequestro dell’edificio.

Dopo che il 29 Dicembre scorso il sindaco della città bianca, Gianfranco Coppola, ha disposto la chiusura di dieci aule – tutte le classi del piano terra -, il rischio di turnazione degli orari è concreto ed il dirigente scolastico, Maria Mingolla, tramite il sito internet istituzionale della scuola, ha comunicato quanto segue:

“Tenuto conto dell’ordinanza sindacale n.310 del 29/12/2017 avente per oggetto “adeguamento antincendio è messa in sicurezza dell’edificio scolastico – E. Pessina – per esecuzione urgente dei lavori di riparazione e miglioramento strutturale dei muri divisori delle aule al piano terra “la quale ordina “l’immediata inibizione della fruizione delle dieci aule ubicate al piano terra dell’Edificio Pessina e di avviare in tempi immediati e senza indugio i lavori di rinforzo strutturale a fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità e la sicurezza dei bambini, dei docenti e del personale frequentanti le aule della scuola ubicate a piano terra dell’edificio scolastico Pessina”;

VISTO il verbale dei lavori di somma urgenza (Art.163 del D.Lvo 50/2016) del 02/01/2018 proveniente dal comune di Ostuni – settore Lavori Pubblici Ambiente, Verde Pubblico COMUNICA che dalla data odierna è inibita la fruizione delle dieci aule del piano terra del plesso Pessina sito in Piazza Italia 11;

Che, fermo restando il regolare riavvio delle attività didattiche del 08/01/2018, è necessario procedere a riorganizzare tutte le attività didattiche e i servizi connessi secondo tempi e modi che saranno resi noti il più presto possibile da questo Ufficio, vista la necessità di contemperare l’esecuzione urgente dei lavori con la garanzia del servizio di istruzione all’utenza scolastica”.