Nel pomeriggio del 21 Gennaio scorso, il palazzetto dello sport di Locorotondo ha visto accendersi al proprio interno un incendio di matrice dolosa.

Alcuni materassini hanno preso fuoco causando una cortina di fumo molto densa.

Le forze dell’ordine continuano ad indagare per individuare i responsabili mentre la politica locorotondese pare aver deciso di abbattere la struttura esistente per ricostruirne uno nuovo sulla stessa area.

Sulla delibera di giunta n. 114 del 14 Dicembre scorso si legge infatti che l’amministrazione “intende partecipare all’avviso pubblico del Coni “Presentazione di proposte di intervento per la realizzazione, la rigenerazione o il completamento di impianti sportivi in vista della predisposizione del nuovo piano pluriennale degli interventi di cui al comma 3, art. 15 del DL n. 185/2015 recante “Misure urgenti per interventi nel territorio”, convertito con modificazioni dalla Legge n. 9 del 23 gennaio 2016 – Fondo “Sport e Periferie” (G.U. 23/1/2016 n. 18)”, proponendo un progetto di rigenerazione dell’esistente che risolva definitivamente la criticità del palazzetto dello sport, procedendo alla demolizione con ricostruzione entro lo stesso sito di intervento, realizzando un’opera che consenta la diffusione di attività sportive a livello nazionale, recuperando la periferia attualmente in degrado”.