Un intervento provvidenziale, quello effettuato dalla “Security Vigilanza” di Cisternino nella mattinata di mercoledì 21 Febbraio 2018 che, unitamente al lavoro svolto per contrastare la criminalità in un periodo in cui i furti nel territorio cistranese si registrano purtroppo all’ordine del giorno, dimostra di operare anche in contesti che non riguardano direttamente il lavoro di vigilanza.

Nella mattinata di oggi, infatti, in contrada Cavallerizza – situata sulla strada che collega Cisternino e Ceglie Messapica – è scattato un allarme in un’abitazione collegata con l’istituto di vigilanza. Le guardie giurate si sono immediatamente recate sul posto per rendersi conto dell’accaduto ma, una volta arrivate, hanno ricevuto le rassicurazioni dell’anziana proprietaria di casa che ha spiegato che si era trattato di un errore. Durante la spiegazione, però, la donna si è accasciata perché vittima di un malore e le stesse guardie giurate hanno allertato il 118; al momento della chiamata, però, nessuna ambulanza di Cisternino e Ceglie Messapica era disponibile perché impegnate in altre urgenze e così una delle guardie giurate si è recata tempestivamente presso il pronto soccorso di Cisternino per portare un medico sul posto. All’arrivo della guardia presso il nosocomio cistranese, tuttavia, un’ambulanza era rientrata e la guardia ha così fatto strada per arrivare all’abitazione della donna. La cosa si è ripetuta quando anche l’ambulanza chiamata da Ceglie Messapica si è recata sul posto ed è stata aiutata dalle guardie giurate di “Security Vigilanza” a trovare il punto da cui era partita la richiesta di pronto intervento.

Il servizio socialmente utile degli uomini dell’istituto di vigilanza si è reso necessario per prestare soccorso alla donna, curata dai sanitari accorsi e per la quale è stata fondamentale la tempestività nella richiesta di aiuto.