Martedì 20 Marzo, il laboratorio urbano Jan-net di Cisternino (plesso del Giannettino, via XXIV Maggio) alle ore 19.00 ricorda la “Strage di Vergarolla” attraverso la storia familiare di Giovanni Nardin e le parole di Iolanda Nardin Micheletti con video ed immagini del tremendo accaduto.

Vergarolla, la prima strage di italiani in tempo di pace…

La strage di Vergarolla (o anche Vergarola) (in croato Eksplozija na Vergaroli) fu causata dall’esplosione di materiale bellico, avvenuta il 18 agosto 1946 sulla spiaggia di Vergarolla a Pola. L’esplosione provocò la morte accertata di 65 persone.
In quel periodo l’Istria era rivendicata dalla Jugoslavia di Tito, che l’aveva occupata fin dal maggio 1945. Pola invece era amministrata a nome e per conto degli Alleati dalle truppe britanniche, ed era quindi l’unica parte dell’Istria al di fuori del controllo jugoslavo.
Le responsabilità dell’esplosione, la dinamica e perfino il numero delle vittime sono tuttora fonte di accesi dibattiti. L’inchiesta delle autorità inglesi stabilì che”gli ordigni furono deliberatamente fatti esplodere da persona o persone sconosciute”.

L’evento si terrà presso il Jan-net e sarà introdotto dal Dottor Luca Marchesini, educatore counsellor.

Per ulteriori info contattare:
3496373569 – 0804449594