I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Fasano, nell’ambito di un servizio di controllo alla circolazione stradale, hanno denunciato in stato di libertà B.E. 20enne studente di Fasano, per guida sotto l’influenza dell’alcool. Il giovane, possessore di patente di guida da meno di tre anni, è stato sorpreso nel corso della notte per le vie del centro, alla guida di un’autovettura in evidente stato di alterazione psicofisica. Sottoposto alle prove dell’etilometro, è risultato positivo con un tasso alcoolmetrico pari a 0,98 gr/l.

I militari dell’Arma hanno denunciato per lo stesso motivo C.L. 22enne di Ostuni. Il giovane è stato sorpreso nel corso della notte per le strade di Speziale, frazione di Fasano, alla guida di un’autovettura in evidente stato di alterazione psicofisica. Sottoposto alle prove dell’etilometro, è risultato positivo con tasso alcoolmetrico pari a 0,85 gr/l. Le patenti di guida sono state ritirate.

L’art.186 del codice della strada: “guida sotto l’influenza dell’alcool” che punisce le condotte di chi guida in stato di ebbrezza alcolica. Le sanzioni, previste al secondo comma, puniscono tutti i conducenti sorpresi alla guida con tassi alcolemici che superano il limite massimo consentito di 0,5 grammi di alcool per litro di sangue, sfociando in responsabilità penali già da valori superiori a 0,8. Inoltre, l’art. 186-bis “Guida sotto l’influenza dell’alcool per conducenti di età inferiore a ventuno anni, per i neo-patentati e per chi esercita professionalmente l’attività di trasporto di persone o di cose”, prevede che i conducenti che guidano dopo aver assunto bevande alcoliche e sotto l’influenza di queste sono puniti con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 163 a euro 658, qualora sia stato accertato un valore corrispondente ad un tasso alcolemico superiore a 0 (zero) e non superiore a 0,5 grammi per litro. Nel caso in cui il conducente, nelle medesime condizioni, provochi un incidente, le sanzioni sono raddoppiate.