I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Fasano, a conclusione di attività d’indagine, hanno deferito in stato di libertà, per ricettazione, G.G. 44enne brindisino, ma domiciliato a nella città al confine con la provincia di Bari. Il predetto, il 2 maggio scorso, è stato trovato in possesso presso il proprio domicilio, di una Fiat 500 asportata nella stessa mattinata in Torre a Mare (BA) e denunciata presso la Tenenza di Mola di Bari (BA) da una giovane del luogo. Il veicolo è stato subito restituito alla legittima proprietaria.

In una seconda operazione, i Carabinieri della Stazione di Fasano hanno deferito in stato di libertà, per “inosservanza all’obbligo di ripetere la denuncia in caso di trasferimento dell’arma in luogo diverso da quello indicato in precedenza all’Autorità” e “omessa custodia di armi”, un pensionato 52enne del luogo. I militari nel corso di specifico controllo, hanno accertato l’omessa comunicazione obbligatoria della variazione del luogo di detenzione di un fucile di sua proprietà cal.12, nonché di aver trascurato di adoperare le cautele necessarie nella custodia dello stesso. L’arma è sottoposta a sequestro.

La norma in materia prevede che “chiunque detiene armi o parti di esse e/o munizioni deve farne denuncia all’Ufficio locale di Pubblica Sicurezza o, quando questo manchi, al locale Comando dell’Arma dei Carabinieri”, inoltre, la denuncia di detenzione deve essere ripresentata ogni qualvolta il possessore trasferisca l’arma in un luogo diverso da quello indicato nella precedente denuncia. Il detentore delle armi deve altresì assicurare che il luogo di custodia offra adeguate garanzie di sicurezza. La norme, prevedono, tra l’altro, che le armi siano custodite con le necessarie cautele, per impedire che soggetti minori o malintenzionati si impossessino agevolmente.

Nella terza operazione, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Fasano, hanno tratto in arresto, nella fragranza di reato, Michele Schiavone, 40enne del luogo per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, a seguito di perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di circa 70 grammi di marijuana, di 8 piante della medesima sostanza, alte circa 1 metro, di un grammo circa di cocaina, nonché di materiale per il confezionamento e la produzione, occultati nella camera da letto e in cucina. Tutto il materiale è stato sequestrato. Dopo le formalità di rito l’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.