Prestigioso riconoscimento per la Cantina Pietro Tauro di Alberobello. Il Primitivo di Puglia è stato premiato con la medaglia d’oro al Concorso Mondiale di Bruxelles, uno dei più importanti a livello internazionale e l’unica competizione itinerante (l’anno scorso in Spagna, quest’anno a Pechino, nel 2019 in Svizzera).
Per la Cantina di Alberobello, che l’anno prossimo compirà 70 di attività, sono arrivati anche due argenti con il Rosso Imperatore e il Negramaro IGT Salento.
«Siamo molto soddisfatti – dice Francesco Tauro, amministrare della Cantina fondata da suo papà Pietro –. Per noi, però, questi premi non sono un traguardo, ma un’ulteriore spinta a fare sempre meglio. La partecipazione ai concorsi è motivo di stimolo e di verifica continua del nostro lavoro. La cantina è in cammino continuo non ci sentiamo per nulla appagati». Le medaglie conquistate in uno dei concorsi più importanti del mondo premiano la passione e la professionalità di una cantina che ha fatto della genuinità del prodotto la propria bandiera: «I nostri vino non sono troppo elaborati – dice Tauro – hanno la prerogativa di essere naturali, contengono una percentuale di anidride solforosa bassissima, sono frutto di una preparazione in campagna sul vigneto attenta alla maturazione dell’uva perché se si attua una lavorazione appropriata in fase di vendemmia non c’è bisogno di correggere molto il prodotto finale».