Auto Zizzi Cisternino è Fiat

 CISTERNINONOTIZIE.COM EVENTI

Zizzi Auto Cisternino Gruppo Fiat Vendita e Riparazioni in Valle d'Itria

CISTERNINO Domenica 23 Settembre: Ruote nella Storia 2018CISTERNINO Domenica 23 Settembre: Ruote nella Storia 2018.

Cisternino Ruote nella Storia 2018. Venerdì 23 SettembreNello splendido scenario del Borgo di Cisternino, Uno dei Borghi più Belli d’Italia, si è tenuta nella giornata di ieri, Domenica 23 Settembre 2018 a partire dalle ore 09:00, una delle tappe della manifestazione “Ruote nella Storiaedizione 2018.

La giornata si è connotata come occasione di puro divertimento, cultura e aggregazione, ingredienti di un cocktail proposto, dalle entità ACI Storico e dall’Automobile Club Brindisi ai diversi propri soci dei Club Affiliati, agli appassionati e a tutti coloro i quali, a bordo di un’auto con almeno vent’anni di vita, hanno avuto il piacere di condividere una giornata alla scoperta di alcuni fra i più caratteristici borghi italiani.
L’iniziativa è nata, per l’appunto, dalla sinergica azione comune tra ACI Storico e l’associazione  “I Borghi più Belli d’Italia”, organizzazione nata nel 2001 per valorizzare e promuovere il grande patrimonio di storia, arte e cultura dei piccoli centri italiani d’eccellenza.
L’evento si avvalso del patrocinio del Comune di Cisternino e della collaborazione del Club ASTOR di Latiano, affiliato ACI Storico, e della Scuderia Valle d’Itria.

CISTERNINO Domenica 23 Settembre Ruote nella Storia 2018

Il programma dell’intera giornata si è sviluppata nella seguente maniera:
ore 9:00 Arrivo partecipanti in Via San Quirico (Largo Amati) e registrazione raduno. 
ore 9:30 Visita guidata nel centro storico di Cisternino. 
ore 11:30 Inaugurazione di Largo Amati con dedica della piazza alla memoria di Nicola Amati da parte della Amministrazione Comunale di Cisternino e alla presenza di una Rappresentanza ACI e della  famiglia Amati
ore 12:00 partenza per la “passeggiata storica in Valle d’Itria”. 
ore 13:00 pranzo presso Ristorante Il Capriccio in contrada Caranna.

Il Capriccio a Cisternino. Un Capriccio possibile...Il posizionamento delle vetture e relativo accompagnamento lungo il percorso turistico, è stato a cura dell’organizzazione della manifestazione.

Il costo per ogni singolo iscritto è stato stabilito in € 25 e. in ogni caso, è stato gratuito per i primi cento equipaggi iscritti mentre, per gli accompagnatori, sarà a pagamento.

É necessariamente richiesta l’adesione al Club ACI Storico con almeno la tessera base per il primo conduttore.

Autoscuola Valle d'Itria a Cisternino slow

L’iniziativa è stata occasione, anche, per rendere omaggio alla memoria di Luigi Amati, nato e vissuto a Cisternino (1908-1982), per tutti “don Luigi”, che è stato l’antesignano dell’automobilismo pugliese e nazionale.

don Luigi AMATI automobilismo Cisternino

LUIGI AMATI

Nel mondo dell’automobilismo pugliese ha costituito un punto di riferimento per diverse generazioni di piloti: fu commissario sportivo, prima provinciale, poi nazionale, ininterrottamente dal 1933 al 1975, anno in cui venne eletto consigliere nazionale della Csai per la Puglia. Dal 1959 al 1974 fu direttore di gara di tutte le manifestazioni organizzate dagli Automobile Club di Bari e Brindisi. Socio dell’AC Bari dal 1932, consigliere dell’AC Brindisi dal 1952 al 1966. Nel 1974 il Coni gli assegnò la “Stella al merito sportivo”, onorificenza riservata ai grandi personaggi dello sport.

Luigi AMATI automobilismo Cisternino

Oltre ad essere stato fra i principali artefici della Fasano-Selva a livello organizzativo, fino al 1955 fu protagonista della gara anche in veste di concorrente. Ricca la sua carriera di pilota: dal 1929 al 1962 disputò più di cento competizioni di velocità su strada e in salita, prendendo parte a Mille Miglia, Targa Florio, Giro di Sicilia, Giro di Calabria, Coppa Dolomiti. Conseguì ottimi Luigi Amati e la sua Fiat 1100.risultati: primo di classe alla Trento-Bondone e secondo in Coppa Bolzano-Mendola nel 1938; terzo assoluto in Coppa Intereuropa a Monza, primo di classe in Coppa Taras, primo assoluto in Coppa Autunno di Melfi nel 1949; primo di classe al Giro di Sicilia, al Giro di Calabria, secondo a Selva di Fasano e alla Catania-Etna nel 1950; primo di classe alla Giardini-Taormina nel 1951; secondo di classe al Trullo d’Oro nel 1952. Tutti lo ricordano con il suo impeccabile abito di lino bianco, il cappellino in testa, sempre in prima fila tra gli organizzatori, a contattare piloti, a litigare con loro o a far da paciere, a dirigere Cisternino Ruote nella Storia 2018. Venerdì 23 Settembrele operazioni tecniche, a dare consigli. 

Ma, anche e soprattutto, ha avuto l’enorme merito di aver fatto appassionare, alle gare automobilistiche, intere schiere di giovani e, tra essi, un gruppo di piloti che, sull’intero territorio, si sono organizzati sotto le insegne della Scuderia Val d’Itria.

Zizzi Auto Fiat Organizzato a Cisternino

Banner Content
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Article