Galizia Viaggi Cisternino BiglietteriaCisterninoNotizie. com Politica Cisternino

Osteria La Valle a Cisternino

Cisternino 16 Novembre 2018. HARAMBEE con Matteo Richetti

Cisternino 16/11/2018 con Matteo Richetti: il Confronto è Aperto

Matteo RichettiVenerdì 16 novembre, a partire dalle ore 18:30 presso la Biblioteca Comunale di Cisternino in via Dante Alighieri 48, si terrà l’iniziativa Harambee. Il confronto è aperto che, per l’occasione, vedrà la partecipazione del senatore Matteo Richetti, candidato alla segreteria del Partito Democratico.

Cisternino Biblioteca Comunale Tommaso Fiore

Roberto Pinto e Tiziana Palmisano (Pd Cisternino e Fasano)L’evento è organizzato dal segretario Pd di CisterninoRoberto Pinto e da Tiziana Palmisano (Pd Fasano nonchè componente della direzione provinciale) che, tra l’altro, sono anche tra i promotori di Harambee Brindisi. La parola Harambee, nella lingua Swahili (Kenya), è l’equivalente, in lingua italiana, di Oh issa!. Ma è, anche, il nome dato all’area del Pd che si riconosce proprio nel senatore Richetti.

Harambee BrindisiLa qualità peculiare degli Harambee, è rappresentato dalla possibilità di dare spazio a varie e diverse tematiche e, in particolare costantemente, la ricercata metodologia della partecipazione e del confronto. E, dando seguito a questi presupposti, nel corso della serata cistranese si darà spazio a tutto quello che, attualmente, sono le problematiche più importanti, quali: il territorio ed il suo sviluppo, l’innovazione sociale, la disabilità, l’autismo, l’integrazione e tutto ciò che può essere realmente utile ai giovani per il loro futuro.

Un incontro per conoscersi, raccontarsi e cercare  di capire una Politica fatta di impegno libero e appassionato, al servizio delle persone più che delle personalità. Insomma, in poche parole, una Politica che serve e non di cui servirsi.

Cisternino. La Politica che serve con Matteo Richetti

MATTEO RICHETTI: chi è

Matteo Richetti a Cisternino 16 Novembre 2018

Nato a Sassuolo nel 1974, vive a Spezzano di Fiorano Modenese (MO). È sposato con Sonia ed ha tre figli: Simone, Giulia ed Elisa. Ha conseguito la maturità scientifica presso il Liceo Wiligelmo a Modena. 

Giornalista pubblicista, specializzato nel campo della comunicazione pubblica, ha collaborato con quotidiani e periodici e diretto alcune testate locali ed è in aspettativa dal suo incarico presso la Direzione Generale della Provincia di Modena dove si occupava delle attività di Comunicazione pubblica e relazioni esterne. 

Ha guidato la sezione modenese della Margherita dal 2003 al 2005, anno in cui è stato eletto in consiglio regionale, occupandosi di sanità e riordino istituzionale, memoria e politiche giovanili.

Nel maggio 2010, dopo essere stato rieletto in Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna è diventato Presidente dell’assemblea stessa e componente delle Commissioni “Bilancio Affari Generali ed Istituzionali” e “Politiche per la Salute e Politiche Sociali”. Si è dimesso dall’incarico nel dicembre 2012 per partecipare alle primarie dei parlamentari del PD della provincia di Modena. 

Insieme al sindaco di Firenze Matteo Renzi, al deputato Giuseppe Civati ed al deputato regionale siciliano Davide Faraone, Matteo Richetti appartiene alla corrente dei Rottamatori, una componente di stampo centrista e liberale del Partito Democratico, che chiede il rinnovamento della classe dirigente attraverso la rottamazione di quella vecchia ed è concorde con lettera della BCE e con la riforma delle pensioni.

In particolare Richetti è uno dei più stretti collaboratori di Renzi, del quale è considerato braccio destro e in coppia con il quale ha organizzato alcuni eventi pubblici.

Nell’ottobre 2011, ha partecipato ad una “tre giorni” di proposte chiamata Big Bang con Matteo Renzi, Davide Faraone e Giorgio Gori, nella quale chiunque ha avuto la possibilità di salire sul palco e proporre la sua idea di governo se fosse stato a Palazzo Chigi. Nel giugno 2012, sempre insieme a Renzi, Faraone e Gori ha organizzato la seconda edizione del Big Bang, denominata Italia Obiettivo Comune, che si è tenuta al Palacongressi di Firenze, dove quasi un migliaio di amministratori locali del Partito Democratico hanno raccontato la loro esperienza di governo del territorio per rilanciare un nuovo modello di PD e di Italia.

Il 23 febbraio 2016 Richetti, nella trasmissione televisiva Otto e mezzo, critica Renzi e la sua indole autoritaria all’interno del PD; aggiunge inoltre che è da circa un anno che non incontra il segretario del partito, sintomo di un deterioramento del rapporto tra lo stesso Richetti e Renzi. I rapporti tra i due migliorano in occasione della campagna elettorale per il Referendum costituzionale del 2016 e dal 7 maggio 2017 Richetti è nominato da Renzi portavoce del PD.

Il 14 luglio 2018 cessa dalle funzioni di portavoce del Partito Democratico e viene sostituito con Marianna Madia. 

Nel 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione XI Emilia-Romagna.

Come primo atto della sua esperienza da parlamentare, Richetti deposita un progetto di legge per consentire ai Comuni di pagare i debiti alle imprese. La legge Disposizioni a sostegno dei comuni per lo sblocco dei pagamenti a favore delle imprese in deroga al patto di stabilità interno è costituita da un unico articolo e può essere adottata nel breve periodo. Consiste nel procedere “ai pagamenti in conto capitale nel limite massimo del 26 per cento dei residui passivi” che corrispondono a 13 miliardi di euro già presenti nelle casse dei comuni.

Banner Content
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Article