Gennaro Cantore, 48enne di Ostuni titolare di un noto locale estivo nella località balneare di Costa Merlata, si è presentato presso il pronto soccorso dell’ospedale della città bianca attorno alla mezzanotte di sabato scorso affermando con un filo di voce di essersi ferito da solo. Versione apparsa poco credibile sin da subito ai sanitari in servizio. Versione che sembrerebbe essere stata smentita dalle immagini acquisite dagli agenti del commissariato di polizia attraverso le telecamere di videosorveglianza cittadine.

Cantore si è recato a piedi al pronto soccorso dell’ospedale di Ostuni, poco distante dalla propria abitazione: il 48enne presentava una ferita all’addome ed una copiosa perdita di sangue; la gravità della situazione ha reso necessario un immediato ricovero seguito da intervento chirurgico.

Stando a quanto raccolto, Cantore sarebbe riuscito a dire, tra le pochissime cose, di essersi ferito con un coltello mentre era a casa propria, ma il tipo di ferita non corrispondeva con la versione fornita dal 48enne al punto che i medici hanno prontamente allertato gli agenti del commissariato.

Questi ultimi, dopo le relazioni sanitarie, hanno escluso la pista del ferimento domestico ed hanno avviato le indagini per tentato omicidio dell’imprenditore noto ad Ostuni per via dell’importantissima affluenza nel locale estivo dell’uomo.

L’acquisizione delle immagini delle telecamere nella zona dell’abitazione di Cantore avrebbe confermato la tesi dell’accoltellamento e, di pari passo, gli approfondimenti nella vita del 48enne hanno portato all’avvio di perquisizioni ed interrogatori verso persone ritenute informate sui fatti.

Cantore dovrebbe essere interrogato dagli inquirenti appena le sue condizioni di salute lo renderanno possibile. Al momento è massimo il riserbo da parte degli investigatori al fine di non alterare l’esito delle indagini.