Continua senza sosta la difficile attività di contrasto da parte della Polizia di Stato ai furti nelle contrade di Monopoli ed anche nelle strutture turistiche.

Con una prima indagine lampo iniziata da uno spunto degli operatori delle “Volanti” del Commissariato di P.S. di Monopoli, è stato possibile risalire – in pochissimo tempo – ai due autori di un furto all’interno di un lido balneare di Monopoli. Gli investigatori del Settore Anticrimine, una volta acquisite le immagini del sistema di videosorveglianza nelle fasi del furto del materiale perpetrato nel deposito degli attrezzi ad uso della struttura balneare, dopo alcune comparazioni fotografiche risalivano all’identità degli autori. Presso la loro abitazione – nella zona della Selva di Fasano – a poche centinaia di metri dal confine con il territorio di Monopoli – veniva rinvenuto tutto il materiale provento di furto (trapani, decespugliatori, lampade ed altro). Per l’evidenza del ritrovamento gli indagati non potevano non ammettere di essere stati loro a commettere il furto – due fratelli già noti alle forze dell’ordine di 39 e 42 anni – e pertanto tutta l’attrezzatura veniva posta sotto sequestro al fine della successiva restituzione alle parti lese. I poliziotti, tuttavia, risaliti non a caso a rintracciare i due indagati, notavano la presenza anche di un generatore di corrente di marca “Lister” che per le modalità di custodia destava il sospetto che fosse anch’esso provento di furto. In effetti, nell’immediatezza, si accertava che il generatore era anch’esso di provenienza furtiva, sottratto nell’area rurale di Monopoli, più precisamente nella contrada Macchia di Monte. La vittima non aveva ancora sporto denuncia, forse ormai rassegnata di fronte al furto subito e non credendo possibile il ritrovamento dell’attrezzo.

Il fenomeno dei furti nelle contrade di Monopoli, che si ripropone ciclicamente, tuttavia può essere affrontato solo con la collaborazione dei cittadini con le forze dell’ordine che spesso, nelle attività di indagine, si imbattono nel ritrovamento di materiale di provenienza furtiva ma in assenza delle denunce dei furti subiti, hanno difficoltà nel tracciare la provenienza delle attrezzature.

Numerose le attività di monitoraggio dei furti nelle contrade di Monopoli e in tutta la zona del sud-est barese.