SECURITY VIGILANZA CISTERNINO & TERRITORIO. IL BELLO DELLA SICUREZZA

CISTERNINO NOTIZIE 2019 POLITICA

EL GRINGO CISTERNINO HALLOWEEN 2019. OCCASIONE PER FESTEGGIARE INSIEME... A TUTTA BIRRA CON GUSTO

CISTERNINO & POLITICA: INTERVISTA a ROBERTO PINTO (SEGRETARIO PD)

Cosa accadrà prossimamente, nel 2020, nella Regione?

E nel 2021 a Cisternino?

(Molto presto, probabilmente entro la prossima settimana un aggiornamento  su possibili novitò in ambito comunale)

CISTERNINO & POLITICA: INTERVISTA a ROBERTO PINTO (SEGRETARIO PD) 

Metal Tecnica GRASSI a Cisternino

CISTERNINO & POLITICA: INTERVISTA a ROBERTO PINTO (SEGRETARIO PD) 

Cisternino, Ottobre 2019

Cosa ne pensa della scissione operata da Renzi e qual’è lo stato di salute del Partito Democratico a Cisternino?

Roberto Pinto segretario circolo Pd CisterninoRenzi ha chiarito nel suo discorso conclusivo alla Leopolda che vuole essere il Macron italiano. La sua è un’O.P.A. ostile verso il PD che per questo motivo deve essere capace di rilanciare la propria azione riformatrice e innovatrice della politica italiana. Se tornerà ad essere solamente il partito dei democratici di sinistra e rinuncerà a parlare a tutte le categorie e a tutti gli italiani, farà sicuramente la fine del partito socialista francese. Pur apprezzando molte idee di Matteo RenziRenzi e ammirando le sue naturali doti di leader, continuo a credere che lo strumento migliore per fare politica rimanga un partito plurale dove convergono differenti sensibilità e si cerca, non sempre ahimè riuscendoci, a trovare una sintesi alta ed efficace. A Cisternino il nostro circolo ha una sede in via Roma 52 dove i circa 50 iscritti possono riunirsi per discutere e fare comunità. Finanziamo la nostra attività politica tramite il tesseramento e soprattutto i proventi della Festa dell’Unità.

Cisternino Festa dell'Unità 2019

Siamo fieri e orgogliosi di aver portato avanti questa tradizione decennale (la scorsa estate si è svolta la quarta festa da quando sono segretario) pur tra mille difficoltà e sacrifici. Tra di noi iscritti si respira una buona atmosfera di amicizia oltre che di comunanza di intenti politici. Queste premesse spiegano perché saranno almeno inizialmente pochi coloro che decideranno di aderire invece al nuovo partito Italia Viva, ma di certo non possiamo cullarci di questo, anzi dobbiamo cercare di essere sempre più attrattivi perché altre persone scelgano di fare politica insieme a noi.

Cosa sta avvenendo invece nei circoli della Valle d’Itria in seguito alla nascita di “Italia Viva”?

Nei circoli della Valle d’Itria e dintorni, dalle notizie in mio possesso, non ci sarà parimenti un passaggio in massa al nuovo partito di Renzi. Credo che bisognerà aspettare qualche tempo ancora per capire la reale forza di questo nuovo soggetto politico.

Tornando a Cisternino, quali sono i rapporti all’interno della coalizione Cisternino Insieme e dobbiamo aspettarci novità di rilievo per le  prossime elezione comunali?

CISTERNINO INSIEME e Pd opposizioni a CisterninoA livello locale i rapporti interni con gli amici della coalizione Cisternino Insieme sono improntati alla piena e leale collaborazione. Le differenti sensibilità politiche non ci impediscono di costruire giorno dopo giorno un’alternativa credibile all’attuale maggioranza al governo cittadino. Abbiamo iniziato un percorso di ascolto e condivisione con i cittadini: siamo stati in piazza Pertini a Casalini, in c.da Sisto e prossimamente saremo in c.da Caranna, ad esempio… So che molti si chiedono chi sarà il nostro candidato o la nostra candidata al ruolo di sindaco, ma io credo che se partissimo da questa decisione il percorso verso le elezioni del 2021 non sarebbe proficuo e fertile, come invece ci auguriamo che si riveli partendo dalle esigenze e dai bisogni dei citttadini. Solo dopo potranno venire le legittime ambizioni personali di ciascuno di noi.

IL CAPRICCIO Ristorante Pizzeria a CISTERNINO

Durante la Festa de L’Unità non si è potuto non notare l’assenza di due importanti esponenti regionali del Partito Democratico, quali Fabiano Amati e Donato Pentassuglia. Assenze volute?

Donato Pentassuglia e Fabiano Amati (consiglieri regionali territoriali PD)

Con Fabiano Amati c’è stato un fraintendimento, che spero sia stato completamente chiarito, perché in realtà lo avevo personalmente invitato a partecipare al dibattito sul futuro della Regione Puglia. In ogni caso sia con lui che con il consigliere Donato Pentassuglia ci saranno sicuramente altre occasioni in cui potranno essere autorevoli partecipanti di incontri e dibattiti organizzati dal nostro circolo.

Sono ormai imminenti le elezioni regionali (si vota il prossimo anno). Qual è la posizione del circolo di Cisternino e come ci si sta muovendo nell’ottica di possibili primarie all’interno del centrosinistra?

Gentile, Amati, Emiliano e Palmisano probabili canidati per le primarie del centrosinistra in PugliaIl circolo in merito alle elezioni regionali ha tante posizioni e idee differenti quanti sono i nostri iscritti. Non vi è un’imposizione di pensiero dall’alto né tantomeno da parte mia. Ciascuno deciderà di sostenere in eventuali primarie il candidato che vorrà. Io personalmente sosterrò fortemente Elena Gentile perché ritengo attualmente sia la migliore espressione del centrosinistra pugliese e, perché no, forse è arrivato il momento di vedere una donna alla guida della nostra regione.

CardioPiù Fasano

CISTERNINO NOTIZIE VALLE d'ITRIA & TERRITORIO - Politica Regionale Puglia

La disamina generale di CisterninoNotizie.com sulla politica regionale pugliese (e, lo preannunciamo in anteprima, prossimamente su quella più propriamente cistranese)

riunione politica

A Bari, Roma ecc., se pur in sordina e al chiuso di alcune stanze di partiti, movimenti, coalizioni e/o studi e case private, si ritorna a parlare di politica pugliese in previsione dei prossimi appuntamenti elettorali che, nell’oramai prossimo 2020, riguarderanno la nostra Regione (ma anche la vicina Ceglie Messapica) – e poi, l’anno successivo ancora (2021), territorialmente interesseranno anche il Comune di Cisternino, Locorotondo e Fasano -.

Ristò il Grappolo a Cisternino

Consiglio Regionale aulaIn una prima sommaria disamina, sul versante dell’intera regione Puglia, è di certo da registrare una certa confusione (e pressapochismo) che accomuna i maggiori assemblamenti politici/partitici che correranno per conquistare la guida della nostra Regione e, anche e comunque, di uno scranno nel Consiglio dello stesso consesso (magari pensando ed augurandosi qualcosa in più). Questo, ancorpiù, dopo le ultime elezioni regionali 2019 in Umbria che hanno visto la (prevedibile) vittoria del centrodestra sul variegato (e confuso?) schieramento Pd-M5S.

Ma cosa sta accadendo in generale nel panorama politico pugliese che, a questo punto, potrebbe rappresentare un simbolico ma anche significativo argine alla prendoperante azione a trazione leghista?

SIAL SERRAMENTI 30 ANNI

CENTROSINISTRA in PUGLIA

Emiliano con VendolaNello schieramento di centrosinistra, oramai da tre legislature alla guida regionale (prima con la presidenza Vendola e, successivamente ed attualmente con Emiliano presidente), è da registrare innanzitutto la querelle che riguarda la questione “Primarie” che, in modo molto chiaro, qualcuno (lo stesso Emiliano) voleva forse evitare sperando in una concorde azione comune di chi, nelle ultime consultazioni del maggio 2015, lo aveva sostenuto.

Di certo l’acclarata concorrenza della deputata europea Elena Gentile (Pd) e, a quanto si deduce dalle dirette dichiarazioni di due altri possibili concorrenti, il consigliere regionale fasanese Fabiano Amati (Pd) ed il sociologo Leonardo Palmisano (ex SEL ora Ambiente e Lavoro), i gazebo e gli elettori di centrosinistra (ma probabilmente non solo loro) saranno coloro che, all’infine, decideranno il tutto.

Itria Materassi Via Giardini 57 Cisternino

 

Primarie Centrosinistra Puglia 2020

Interessante, in ogni caso, un’ultima dichiarazione che il presidente Michele Emiliano ha rilasciato, lo scorso 8 Ottobre, a dei cronisti che gli chiedevano un suo pensiero sullo slittamento al 2020 delle primarie del centrosinistra:

Michele Emiliano presidente Regione PugliaIn questo momento il mio dovere di presidente della Regione Puglia è di ricandidarmi, di proseguire il lavoro, perché ho la responsabilità di questa comunità e di tanti anni di lavoro nei quali il centrosinistra, da essere quasi nulla, è diventato il riferimento del grande cambiamento di questa regione. Io a questo ruolo non posso abdicare davanti a niente. Abbiamo fatto in passato lotte incredibili per fare le primarie e adesso sembra che in realtà non le voglia fare più nessuno ha aggiunto Emiliano, facendo chiara ironia sul fatto chele primarie post Epifania sono sicuramente divertenti quanto quelle pre-natalizie e quindi andiamo avanti, nel senso che io ho tanto affetto e tanto amore per tutta questa comunità che da tanti anni in qualche maniera servo, in particolare quella così creativa e così sempre in agitazione del centrosinistra.
Qualcuno pensa di essere sempre all’opposizione di se stesso, questa è spesso la concezione della sinistra che prevale, ma si devono rassegnare –
ha detto ancora – noi governiamo questa regione bene da tanti anni. Escluso Foggia, governiamo in tutte le città della Puglia e non era mai successo prima. Siamo un modello di successo per tutta l’Italia e se ne dovrà convincere anche il centrosinistra pugliese.

Lo Strillone a Cisternino Edicola Cartolibreria Servizi

Dopo 16 anni di lavoro politico, prima da sindaco e poi da presidente della Regione, capisco che qualcuno sia un pò alle strette dal punto di vista della sopportazione. Chiedo scusa a queste persone – ha così concluso questo suo lungo pensiero – e in questi prossimi cinque anni se vinceremo le elezioni, e io sono convinto che le vinceremo, spero che il centrosinistra riesca a preparare la mia successione perché in questo momento è abbastanza complicata, altrimenti avrei volentieri passato la mano.

Vicende politiche che, a prescindere dal “movimentismo” di Emiliano e dalle mosse degli altri pretendenti alla possibile successione, prima o poi dovranno fare i conti anche con le decisioni dei nuovi alleati nazionali, quelli del M5S… 

History Cremeria Vignola a Cisternino in Valle d'itria

CENTRODESTRA in PUGLIA

la Meloni con Berlusconi e SalviniSe la situazione del centrosinistra pugliese non è ancora ben delineata, nel centrodestra regionale non sono certo meno le aspettative dei partiti raccolti, perlopiù, sotto l’egida nordista/romana dei leader nazionali della coalizione che vede l’ex ministro dell’Interno (ed ex antimeridionalista viscerale), Matteo Salvini (Lega), Silvio Berlusconi (Forza Italia) e Giorgia Meloni (Alleanza Nazionale) pronti, insieme, a ribaltare le ultime batoste elettorali regionali pugliesi subite negli ultimi tre quinquenni trascorsi.

Luigi D'Eramo (Lega)Intanto la Lega Puglia è pronta a palesare un proprio candidato governatore. Le motivazioni le ha spiegate il segretario regionale leghista, Luigi D’Eramo, dopo una riunione barese avvenuta lo scorso 7 Ottobre:

Abbiamo una classe dirigente ampia, preparata e radicata sul territorio anagraficamente giovane ma che ha già avuto importanti responsabilità di governo a livello locale. Alle scorse europee, infatti, la Lega in Puglia ha ottenuto il 25 per cento che è la percentuale più alta nelle regioni del Sud Italia. Sempre in Puglia la Lega ha anche ottenuto il differenziale più alto rispetto agli altri partiti della coalizione, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Questi dati confermano che la Puglia è pronta per un candidato governatore leghista, ma soprattutto la Puglia è pronta a voltare pagina dopo 15 anni di sinistra, come dimostrato dai recenti sondaggi che danno il centrodestra in testa con oltre il 40 per cento. 

C’è la necessità di partire da subito con la scelta del candidato presidente e con la campagna elettorale, per comporre liste forti e per coinvolgere al meglio cittadini e categorie produttive. Dobbiamo partire presto e senza far passare altro tempo, con grande determinazione e convinzione per coinvolgere anche il mondo del civismo che Emiliano ha tradito, sedotto e abbandonato come del resto ha fatto con i pugliesi.

La Lega c’è ed è pronta ed esprimere il candidato presidente. Il centrodestra è vincente e deve essere unito in tutte le sue parti, senza lasciare spazio a riti ed errori del passato che in Puglia non hanno portato bene alla nostra parte politica che, seppur maggioritaria, ha perso la guida della Regione per 15 anni ha infine concluso D’Erasmo.

EDIL CERAMICHE CISTERNINO di SABATELLI DOMENICO

Mauro D'Attis con Silvio BerlusconiSempre intorno alla metà di questo Ottobre, una relazione politica sul centrodestra nella regione Puglia, unitamente alle proposte di candidatura alla carica di Governatore, sono state consegnate dal commmissario regionale di Forza Italia, l’onorevole brindisino Mauro D’Attis – e dal vice commissario, il senatore Dario Damiani, al leader nazionale Silvio Berlusconi.

Questa la nota rilasciata dopo l’incontro con il presidente forzista e con l’onorevole Antonio Tajani:

Abbiamo consegnato la rosa di nomi che Forza Italia può proporre come candidato presidente della Puglia. Il presidente Berlusconi potrà valutare le nostre proposte da condividere, poi, con gli alleati della coalizione. Sono tutti nomi di figure più che autorevoli, competenti e in grado di affrontare una campagna elettorale con determinazioneSi tratta di nomi che possono unire e su cui le altre forze politiche potrebbero convergere con entusiasmo. Sono proposte che manteniamo riservate per rispetto per il presidente Berlusconi, per gli alleati e, non ultimo, per le persone che abbiamo indicato. Abbiamo consegnato anche la nostra relazione politica, frutto della riunione di qualche giorno fa del Direttivo Regionale, in cui ribadiamo il ruolo centrale e determinante di Forza Italia per il centrodestra in Puglia e nel Paese. Nutriamo, assieme a tutto il Direttivo pugliese, la massima fiducia per le decisioni che il nostro leader assumerà a riguardo e sulla sua conduzione delle trattative con gli altri rappresentanti del centrodestra a livello nazionale.

Nino MarmoDa alcune prime indiscrezioni, il candidato presidente più accreditato sembrerebbe essere l’andriese Nino Marmo, attuale capogruppo forzista alla Regione Puglia con precedenti trascorsi in Alleanza Nazionale).

SECURITY VIGILANZA CISTERNINO CONTROLLO CONTINUO del TERRITORIO

Anche se il diretto interessato non conferma, sempre più insistenti sono le indiscrezioni che vedrebbero Raffaele Fitto come possibile candidato del centrodestra alla Regione Puglia nel 2020. Fitto con la MeloniCome detto il politico salentino continua a negare ma le pressioni politiche provenienti dalla sede nazionale di Fratelli d’Italia dove l’europarlamentare pugliese, oggi di Fratelli d’Italia, dopo alcune riunioni con Giorgia Meloni, sembrerebbe disposto a convincersi dell’ipotesi dopo che i parlamentari del FdI hanno dato il loro voto favorevole all’elezione di un leghista, Raffaele Volpi, al Copasir (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica). Fitto, forzista poi disconosciuto da Silvio Berlusconi, è già stato presidente della Puglia dal Maggio 2000 all’Aprile 2005. 

Raffaele Fitto ex suo fedelissimo, con Silvio BerlusconiL’ex delfino e possibile successore di Berlusconi, sempre secondo le stesse fonti romane, potrebbe accettare la candidatura per spirito di sacrificio e responsabilità verso il suo nuovo partito d’appartenenza. Invece, in caso contrario, FdI potrebbe essere pronta a candidare un imprenditore (si dice del comparto agricolo e/o una donna penalista) ma, sinora, non è dato sapere di più.

EMPORIO LEONARDO PUNZI & F. a CISTERNINO

Uno dei dati che concerne da vicino il nostro territorio (la Valle d’Itria Autentica), è la quasi sicura presenza – oltre del già citato Fabiano Amati – dell’attuale sindaco di Locorotondo, Tommaso Scatigna che dovrebbe correre in quota FdI (sua mai dimenticata origine d.o.c.). E, in questo secondo caso, potrebbe esserci uno scontro “in famiglia” anche per la quasi sicura riconferma dell’attuale consigliere locorotondese/martinese Donato Pentassuglia. Una situazione ancora da ben definire che, in ogni caso, moniteremo per poi resocontarla ai nostri lettori una volta delineatasi con qualche novità in più.

La Pignatta Trattoria Gustoteca Pizzeria a Locorotondo

 

AIA del VENTO RISTORANTE Pranzo di Tutti i Santi. Venerdì 1° Novembre 2019

AIA del VENTO RISTORANTE Pranzo di Tutti i Santi. Venerdì 1° Novembre 2019

 

 

Banner Content
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Article