Locorotondo, d’altronde così come altre comunità territoriali, è stata ultimamente prese di mira dai soliti ignoti che hanno spaventato la cittadinanza con furti in appartamenti ed abitazioni.

Nella notte tra il 18 ed il 19 Novembre scorsi, tuttavia, il già oltrepassato limite ha superato la soglia morale tollerabile, visto quanto accaduto presso l’istituto comprensivo statale “Marconi – Oliva”, i cui alunni, al rientro in aula, hanno ritrovato la propria scuola svaligiata.

Dei malviventi si sono infatti introdotti nel plesso ed hanno portato via numerosi pc e tablet. L’episodio è stato la fatidica goccia che ha fatto traboccare il vaso già colmo del sindaco della città delle cummerse,Tommaso Scatigna, il quale ha immediatamente scritto al Prefetto. Di seguito la lettera inviata:

“Illustrissimo Prefetto,

con la presente desidero richiamare alla Sua attenzione alcune segnalazioni relative all’incresciosa ondata di paura e insicurezza che si respira nel Comune che amministro.

Come Primo Cittadino sento il dovere di rivolgermi a Lei perché il Comune di Locorotondo sta vivendo una delle pagine più drammatiche della sua storia, è continuamente esposto a numerosi episodi di micro criminalità che si stanno susseguendo drammaticamente, lasciando in me e nei miei concittadini una forte sensazione di insicurezza. Molti cittadini, soprattutto le persone anziane e sole, temono di essere bersaglio facile di questi malfattori.

Motivo della presente però non e quello di elencar Le i furti in appartamento, alcuni di questi con gente in casa che dormiva (tra questi anche bambini!). bensì raccontarla il risveglio drammatico del mio paese oggi martedì 19 novembre, il furto presso l’Istituto Comprensivo Statale “Marconi – Oliva” – plesso “Oliva” dove hanno portato via numerosi PC e tablet, tutto ciò non lo accetto! Violare la “casa” della formazione dei nostri piccoli cittadini e inaccettabile’.

Ho sempre apprezzato e continuo ad apprezzare il grande sforzo delle Forze dell’Ordine che fanno il possibile, come ho apprezzato il loro sacrificio alle mie continue richieste di maggiori controlli nonostante fossero sotto organico c con un territorio molto vasto soprattutto nella zona dell’agro Tuttavia oggi però, si rende necessario e non più prorogabile il potenziamento di strumenti e risorse, essendo del tutto evidente che uomini e mezzi, sono assolutamente insufficienti. Si rende necessario far fronte ad un fenomeno clic ha assunto una dimensione preoccupante e mette in pericolo la sicurezza della nostra Comunità. Credo sia evidente la necessità di ciascuno di noi. chiamato con uguale determinazione ed impegno a fare la sua parte, nella convinzione che la lotta alla criminalità richieda la partecipazione attiva e celere di tutti gli attori istituzionali Faccio presente altresì che Locorotondo ha una nuova e capiente Caserma per la locale Stazione di Comando dei Carabinieri che non può e non deve restare chiusa durante le ore notturne, come succede adesso.

Nel ringrazinrLa per l’attenzione che vorrà porgere al fine di definire e coordinare quanto prima gli interventi finalizzati a contrastare quanto sopra e a garantire la sicurezza ai miei concittadini, evitando che si creino ulteriori condizioni di tensione. Le chiedo di essere ricevuto ed ascoltato con urgenza

Fiducioso nelle Istituzioni, porgo distinti saluti”.