La società del Martina Calcio sospende le attività. Dopo le dimissioni del presidente Lacarbonara, il club comunica la cessazione di ogni attività e la decisione di liberare il parco giocatori per permettere agli stessi di trovare una nuova sistemazione. Di seguito nota del club biancazzurro:

“Sono trascorsi poco più di venti giorni dalle dimissioni del Presidente dell’Asd Martina Calcio 1947, Piero Lacarbonara, che aveva fatto luce sulle problematiche economiche del sodalizio biancoazzurro.

In risposta agli appelli lanciati dallo stesso Lacarbonara e da Giuseppe Dell’Erba, addetto ai lavori di ristrutturazione dello Stadio Tursi, nei giorni successivi è arrivato l’interessamento iniziale dell’Amministrazione Comunale, del Consigliere Regionale Renato Perrini, nonché titolare della ditta Cover Tech, del Consigliere Donato Pentassuglia, di imprenditori locali, liberi professionisti, associazioni e della tifoseria che ha anche indetto una raccolta fondi dedicata.

Lo stesso Consigliere Regionale Pentassuglia, in via ufficiale, aveva chiesto alla società di far scendere in campo la squadra, poiché si sarebbe adoperato in prima persona a trovare adeguate soluzioni per far fronte alle problematiche economiche. La società ha fatto quanto è stato chiesto, facendo scendere la squadra in campo e tenendo insieme un gruppo valido – fino ad oggi – senza ricevere nessun riscontro reale di quelle che potrebbero essere le risoluzioni per il sostentamento del progetto.

In virtù del fatto che il mercato si chiuderà tra tre giorni, la società ritiene di non poter continuare a tenere vincolati dei giocatori che hanno degli impegni e delle famiglie a carico, giocatori che la società rispetta perché hanno creduto fino all’ultimo in questo progetto. Nella giornata odierna la società concede il via libera a tutti i calciatori e, quindi, da loro la possibilità di trovare un’altra squadra.
Si sospendono pertanto gli allenamenti e l’attività del Martina Calcio si ferma qui.

La società auspica che chi di dovere dia delle risposte non solo alla società calcistica ma, risposte che erano state promesse alla città che ha a cuore le sorti del Martina Calcio.

Domani il titolo sarà formalmente depositato, tramite protocollo, al Comune di Martina Franca, quindi sarà a disposizione del Sindaco, qualora egli abbia delle soluzioni alternative, a quella prospettata, per portare avanti il calcio nella città di Martina. In mancanza di comunicazioni ufficiali, da domenica prossima la squadra non scenderà più in campo”.

Dura la reazione della curva Nord: “Dopo varie settimane di estenuante attesa e logorante silenzio, poiché il Dott.re Pentassuglia, al fianco della Società e noi tifosi, ad alta voce scendeva in campo, con convinzione e superba consapevolezza, con la promessa di poter aiutare la squadra ostentando nuove forze imprenditoriali che avrebbero potuto garantire il prosieguo del campionato, in giorni turbolenti e apparizioni settimanali, ad oggi non sappiamo cosa abbia fatto, né chi abbia contattato.

Non capiamo come la Giunta Comunale abbia potuto sottovalutare la questione sociale che la parola Sport, legata al gioco del Calcio ti impone di proteggere, invece di ridurla alla più comune polvere fastidiosa sotto il tappeto che fuoriesce dal lato opposto, un manico di scopa abusato del suo nome quale Assessorato allo Sport, ad oggi non sappiamo cosa la Sig.ra Schiavone abbia fatto per evitare tutto ciò.

Al Vice Presidente uscente Sig. Distante, quanto all’intangibilità della sua presenza, nonostante i presunti e recenti incontri con i diretti interessati, al fine di trovare una soluzione trasversale e porre rimedio, pretendiamo una spiegazione.

Perciò chiediamo una conferenza stampa a tutti gli attori di questa imbarazzante commedia, al Sig. Pentassuglia, al Sig. Distante, Assessore Schiavone insieme alla Società, per dare una risposta ai tifosi e a tutti gli sportivi di Martina Franca, perché non accada mai più e sapere cosa loro abbiano fatto per salvare un qualcosa che volevano già morto, perché noi cosa abbiamo fatto lo sanno tutti”.