CardioPiù Fasano

Cisternino Notizie & Territorio

PROVINCIA di BRINDISI & CORONAVIRUS: CRITICHE alla DIREZIONE STRATEGICA ASL BRINDISI da PINO ROMANO (presidente Pd della Commissione sanità regionale)

PROVINCIA di BRINDISI & CORONAVIRUS: CRITICHE alla DIREZIONE STRATEGICA ASL BRINDISI

 

Farmacia Ostuni dott. Zizzi Gianpiero a Cisternino

ASL BRINDISI e TERRITORIO

PROVINCIA di BRINDISI & CORONAVIRUS: CRITICHE alla DIREZIONE STRATEGICA ASL BRINDISI.

Innanzitutto i dubbi e, ora, le vibrate proteste e rivendicazione di interventi ma, anche, le diverse diffide delle sigle sindacali del comparto sanità. Unitamente al malessere dei sindaci espresso in più occasioni. Ma la ASL di Brindisi ha continuato ad avvalersi dei silenzi ma anche della difesa (d’ufficio?) di alcune forze politiche.

PROVINCIA di BRINDISI & CORONAVIRUS CRITICHE alla DIREZIONE STRATEGICA ASL BRINDISI

Ma, la continue informazioni sui focolai di contagio negli ospedali di Brindisi ed Ostuni e presso la struttura specializzata di Ceglie Messapica e, all’unisono, l’aumento delle positività tra gli operatori sanitari (tra essi anche il primario di Chirurgia generale del Perrino) e ai forti disagi dei pazienti già dalla fase di accesso al triage, qualcuno comincia, finalmente, a protestare e farsi sentire.

Pino RomanoTra questi, il presidente (Pd) della Commissione sanità del Consiglio Regionale, Giuseppe (Pino) Romano che ha protestato, dicendo chiaro e tondo, che non si può più dare credito ai vertici della Asl brindisina:

La notizia della chiusura del reparto di Pneumologia dell’ospedale Perrino è l’ennesima conferma della gestione discutibile della sanità pubblica in provincia di Brindisi. Fino ad oggi, per senso di responsabilità determinato dal mio ruolo di presidente della Commissione Sanità della Regione, ho evitato di affondare il dito nella piaga, ma adesso non ci sono più le condizioni per continuare ad aspettare.

Auto Zizzi Cisternino è Fiat

Comune di CarovignoA Carovigno esiste un vero e proprio focolaio di contaminazione da Covid-19, ma ad oggi non sono giunte risposte adeguate. Sarebbe stato necessario, così come sollecitato anche dal sindaco, effettuare centinaia (se non migliaia) di tamponi, per arginare una epidemia pericolosissima. E invece, a Carovigno come nel resto della provincia, di tamponi ne vengono effettuati pochi e per giunta il risultato arriva dopo 7-8 giorni, con il conseguente aumento del pericolo di contagio.

ASL BRINDISIAdesso non è più possibile aspettare! La direzione strategica a livello provinciale si è dimostrata inadeguata a fronteggiare una crisi di tali dimensioni. Occorre immediatamente sottoporre a tampone tutto il personale sanitario degli ospedali (a partire dal Perrino) e delle Rsa, per evitare che l’ennesima sottovalutazione possa comportare la perdita di tante vite umane.

SECURITY VIGILANZA CISTERNINO CONTROLLO CONTINUO del TERRITORIO

La scelta di far partire con grave ritardo il laboratorio del Di Summa e di utilizzare solo in minima parte le potenzialità della sanità privata esistente in provincia di Brindisi ha determinato la crescita esponenziale del rischio per personale sanitario e per i cittadini. Arriverà anche il tempo dell’accertamento delle responsabilità – ha concluso Romano – ma oggi si intervenga senza perdere altro tempo“.

RESTIAMO A CASA CN&T 
 
Banner Content
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Article