Piccola Caffetteria Cisternino. Buona Pasqua 2020#laVersione di Gianni Svaldi by Cisternino Notizie -CN&T (3)

VOCI dalla QUARANTENA. LE 10 COSE CHE SAPEVAMO, MA FACEVAMO FINTA DI NON SAPERE

di GIANNI SVALDI per

RADICI FUTURE

L'Acropoli di Puglia olio extra vergine a Martina Franca

VOCI dalla QUARANTENA. LE 10 COSE CHE SAPEVAMO, MA FACEVAMO FINTA DI NON SAPERE

Svaldi GianniC’è chi profetizza che dopo il coronavirus niente sarà come prima. Non è vero. “Niente sarà come prima” lo hanno detto dopo l’11 settembre 2001, lo hanno detto dopo la Seconda guerra mondiale, lo hanno detto ancora tutti alla fine della Prima guerra mondiale. Se l’uomo imparasse dai propri errori, in oltre 300mila anni di evoluzione avremmo imparato a non sbagliare così di frequente. Ma ci sono dieci cose che come italiani abbiamo imparato, che magari sapevamo, in cuor nostro ne avevamo la certezza, ma adesso ne abbiamo la dimostrazione

  1. che abbiamo chiamato eroi i calciatori che hanno vinto una partita, mentre i veri eroi facevano i turni di notte nei pronto soccorso

    Ospedale - Pronto Soccorso Martina Franca

  2. che la libertà è un bene prezioso ma è come l’aria di un ventilatore della terapia intensiva, ti accorgi quanto è vitale solo quando lo spengono

    Libertà

  3. che due persone che si amano, ma vivono in città diverse, non si possono vedere e assistere a vicenda; mentre una coppia sposata che si odia da 20 anni è costretta a stare insieme 24 ore su 24

    coppie in lite e coppie in amore

  4. Che serviva la catastrofe più grave dal Dopoguerra in poi per sentire parlare un primo ministro italiano di “semplificazione” della macchina burocratica e di tutela degli ultimi

    SEMPLIFICAZIONE

  5. Che i migranti che per i populisti ci venivano a “rubare il lavoro” quest’anno non verranno sul serio e frutta e ortaggi rischiano di restare a marcire nei campi perché nessuno li raccoglierà

    IMMIGRATI e LAVORO AGRICOLO

  6. Che qualcosa è andata molto storta se 2000 anni prima di Cristo a Roma c’erano i trasporti e i bagni pubblici e oggi Barbara D’Urso durante una emergenza mondiale insegna al suo pubblico come si lavano le mani

    BARBARA D'URSO - CORONAVIRUS LAVIAMOCI LE MANI

  7. Che l’Unione Europea è come la notte di Capodanno con cugini e parenti alla lontana: tutti cercano di mangiare qualcosa ma non vedono l’ora che passi la mezzanotte per andare via

    CENONE DI SAN SILVESTRO IN FAMIGLIA

  8. Che la Sanità pubblica ha mille difetti ma se qualcuno si presenta alle porte di un pronto soccorso viene fatto entrare.

    PRONTO SOCCORSO

  9. Che il 30% degli italiani fa tanto il sovranista, ma abbiamo scoperto che non siamo autosufficienti neanche con le mascherine chirurgiche

    MASCHERINE CORONAVIRUS

  10. Che un giorno, dovremo farci la domanda: quanti in questi giorni sono morti di coronavirus e quanti sono morti con il coronavirus? E insieme a questa, tante altre. Per poi ricominciare a sbagliare come sempre, con la speranza recondita di non sbagliare più.

CORONAVIRUS BERGAMO 2020. COLONNA MILITARE PER LE VITTIME DEL VIRUS

Banner Content
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Article