La Protezione civile ha diramato, in conferenza-stampa, il consueto bollettino – riportato da “il Messaggero” relativo ai casi di coronavirus in Italia, aggiornato alle ore 17 del 3 Aprile. I contagiati complessivi dall’inizio dell’epidemia sono adesso 119.827, dei quali 19.758 sono guariti e 14.681 sono deceduti. In questo momento le persone positive al coronavirus in Italia sono 85.388. Rispetto a ieri, i contagi sono aumentati di 2.339 persone (ieri erano aumentati di 2.477); i guariti sono cresciuti di 1.480 unità; i deceduti di 766. Sono 4.068 i malati in terapia intensiva, 15 in più rispetto a ieri. Attualmente positivi: +2,81%, guariti +8%, deceduti + 5,5%, casi totali +3,97%, ricoverati +0,7%, terapie intensive +0,37%, isolamento domiciliare +4,2%.

Antonelli: «Picco non è ancora esaurito». «Il picco non si è ancora esaurito», dice il direttore della terapia intensiva del Gemelli e membro del Comitato tecnico scientifico Massimo Antonelli in conferenza stampa alla Protezione Civile, sottolineando che la «tendenza in calo a cui stiamo assistendo è il frutto di quel che è accaduto nelle ultime 3 settimane.


Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi venerdì 3 aprile, in Puglia, sono stati registrati 1.270 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono risultati positivi 105 casi, così suddivisi:

41 nella Provincia di Bari;

3 nella Provincia Bat;

10 nella Provincia di Brindisi;

25 nella Provincia di Foggia;

6 nella Provincia di Lecce;

15 nella Provincia di Taranto;

6 fuori regione

(1 caso non attribuito ieri è stato attribuito oggi alla relativa provincia di appartenenza).

Sono stati registrati oggi 20 decessi: 11 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Brindisi, 1 in provincia Bat.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 17.924 test.

Sono 65 i pazienti guariti.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 2.182 così divisi:

741 nella Provincia di Bari;

129 nella Provincia di Bat;

218 nella Provincia di Brindisi;

527 nella Provincia di Foggia;

359 nella Provincia di Lecce;

178 nella Provincia di Taranto;

26 attribuiti a residenti fuori regione;

4 per i quali è in corso l’attribuzione della relativa provincia.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.