Si comunica che sono da considerare attività indifferibili e di pubblica autorità le misure fitosanitarie di lotta ai vettori della xylella o di estirpazione di piante infette, come da nota della Regione Puglia. Pertanto tali misure devono essere assicurate, con la massima tempestività, pur nel rispetto di ogni precauzione tesa a contrastare il contagio del virus.
In particolare, le misure fitosanitarie da applicare contro i vettori della xylella, consistono in lavorazioni dei terreni per eliminare le erbe spontanee su cui vive lo stadio giovanile dei vettori. Tali lavorazioni devono essere eseguite obbligatoriamente prima che gli stadi giovanili degli infetti si trasformino in adulti.
Tali misure devono essere applicate a tutti i terreni sia pubblici che privati e possono essere effettuate sia dagli agricoltori sia da proprietari/conduttori di terreni o giardini, cosidetti “hobbysti”.
Pertanto si specifica che è possibile lo spostamento per motivi di lavoro per provvedere a tali operazioni da parte delle categorie menzionate (agricoltori e hobbysti).
«Invitiamo agricoltori e proprietari dei terreni a provvedere alle misure imposte dalla Regione nel rispetto di tutte le prescrizioni imposte – dice l’assessore all’Agricoltura, Antonella Ivone – in modo da non interrompere la lotta alla xylella che è un impegno fondamentale in tutta Puglia».