La Asl di Brindisi ha sempre riservato grande attenzione al tema della disinfezione degli ambienti sanitari. Nei prossimi giorni la Sanitaservice riceverà in dotazione nuovi macchinari a raggi ultravioletti/ozono che consentono una sanificazione sicura ed ecologica di automezzi, locali e apparecchiature.

Ad annunciarlo l’amministratore unico di Sanitaservice, Flavio Roseto, in risposta a un comunicato del dottor Cristian Luca Ghezzani, Funzione pubblica Cgil, Dirigenza medica e sanitaria, nel quale si mettono in evidenza i temi legati alla sanificazione.

“Il nostro programma di sanificazione – spiega Roseto – è accurato. Per ogni zona vengono eseguiti tre interventi. Nel primo si procede con una micronebulizzazione di un prodotto decontaminante, nel secondo si nebulizza un prodotto a base di cloro per disinfettare pareti, pavimenti, suppellettili e macchinari, e nel terzo si passa alla disinfezione e pulizia manuale, sempre con il cloro. Dopo circa 45 minuti è possibile riutilizzare gli ambienti. Gli operatori – prosegue Roseto – seguono un corso di formazione e utilizzano i dispositivi di protezione: maschera semifacciale bifiltro, indumenti di sicurezza e guanti in lattice monouso, sovrascarpe. Tutti gli interventi sono tracciati e al termine delle operazioni viene rilasciato un certificato di esecuzione. La nostra squadra è composta da 18 operatori. Sei operatori, per esempio, sono impegnati h24 nelle operazioni di sanificazione delle aree esterne e comuni di ogni struttura della Asl, mentre cinque operatori si occupano, sempre h24, della disinfezione di percorsi Covid, stanze e ascensori del Perrino”.

Un altro dei temi sollevati nel comunicato è quello della nomina di un responsabile tecnico a tempo pieno. Attualmente le funzioni di responsabile tecnico sono assolte dall’amministratore unico di Sanitaservice che si avvale da un punto di vista operativo di una serie di collaboratori: un coordinatore tecnico (part-time 50 per cento) e cinque referenti del servizio di sanificazione, che si occupano rispettivamente, di ospedale Perrino, area Mesagne-San Pietro Vernotico, territorio di Brindisi, Francavilla Fontana-Ceglie Messapica e zona di Ostuni, Fasano e Cisternino.