Locorotondo in Valle d'Itria 2020. Le ultime interviste ai tre candidati sindaco prima del voto

Locorotondo in Valle d’Itria 2020. Le ultime interviste ai tre candidati sindaco prima del voto

La Pignatta Trattoria Gustoteca Pizzeria a Locorotondo

Locorotondo in Valle d’Itria 2020. Le ultime interviste ai tre candidati sindaco prima del voto

A POCHE ORE DALLA CHIUSURA DELLA FASE DELLA CAMPAGNA ELETTORALE, LE ULTIME RISPOSTE,  DEI TRE CANDIDATI/A SINDACI/A, A LOCOROTONDO

LOCOROTONDO in VALLE d'ITRIA by CISTERNINO NOTIZIE 

La Pignatta a Locorotondo in Valle d'Itria

Locorotondo in Valle d’Itria 2020. Le ultime interviste ai tre candidati sindaco prima del voto (prettamente in ordine alfabetico)

INTERVISTA AD ANTONO BUFANO, CANDIDATO SINDACO PER LA LISTA CIVICA “CON TE”

Antonio Bufano candidato sinadaco Locorotondo - lista CON TE

  1. La sua candidatura a Sindaco di Locorotondo – con la lista civica CON TE – si può ritenere una conseguenza e prosecuzione delle due precedenti esperienze amministrative a guida Tommaso Scatigna?

È una domanda alla quale ho risposto più volte in questi giorni. Non è un fatto di continuità o discontinuità, ma è riconoscere il merito di tutto quello che è stato fatto. Quello che è stato fatto bene sarà potenziato, quello che si poteva fare meglio sarà migliorato. Credo che questo debba essere l’obiettivo di chi si candida ad amministrare una città, a prescindere dal colore politico dell’Amministrazione che lo ha preceduto.

  1. Itria Materassia Cisternino dal 1980. PRODUZIONE MASCHERINE LAVABILI Made in Valle d'Itria

  2. Sempre in riferimento alle scelte portate avanti dal sindaco uscente e dalla maggioranza che lo sosteneva, ci sono progettualità non completate e/o non portate a termine che, in caso di sua vittoria, ritiene importanti riprendere e completare con urgenza? E, ancora, quali sono i punti salienti della base programmatica che, la sua lista, vorrebbe mettere in primo piano?

Sarà ulteriormente potenziato il sistema di raccolta rifiuti, con particolare attenzione all’agro di Locorotondo. Introdurremo il passaggio di raccolta per l’organico, soprattutto per coloro che non possono installare una compostiera, e lo faremo senza aumentare i costi del servizio. Uno dei punti salienti è senza dubbio quello di integrare la rete idrica in tutte le contrade dove ancora manca questo servizio essenziale, al fine di fornire residenti e strutture ricettive. Un altro punto è la creazione di un Polo Tecnico Scientifico Agroalimentare al fine di meglio valorizzare le nostre eccellenze e dare un impulso produttivo alle nostre imprese agricole.

LOCOROTONDO LISTA CON TE ANTONIO BUFANO SINDACO

  1. Lei, nella vita di ogni giorno, è un conosciuto commercialista. Professione che, di certo, riesce ad inquadrare e comprendere meglio le reali situazioni delle diverse attività cittadine. Cosa ci può dire a tal proposito e, in generale e più precisamente, come giudica lo stato economico complessivo delle imprese territoriali?

ANTONIO BUFANOSono imprese che, come tutte sul territorio italiano, hanno subito una drammatica battuta d’arresto in seguito al lockdown imposto a causa della pandemia da Covid-19. Tuttavia vi è un sentimento di reazione a questa sciagura, che ho potuto percepire in queste settimane, e questo è importante. Non ci aiuta di certo la situazione economica a livello nazionale e globale: molto dipende dalle scelte che il Governo intraprenderà per l’utilizzo dei fondi derivanti dagli aiuti europei.

Sial Serramenti Alulen a Fasano

  1. Locorotondo, con Cisternino e Martina Franca, rappresenta appieno quella Valle d’Itria geograficamente autentica di cui. oggi, non poche cittadine vicine si dicono parte integrante. Cosa ne pensa e ritiene utile che si (con)divida una appartenenza costruita ad arte e allargatosi solo per convenienze di altro tipo? E, sempre a proposito, quali piani turistici ritiene utili per Locorotondo ma, anche e complessivamente, per l’intera Valle d’Itria?

Valle d'Itria Territorio e Dintorni

Se abbiamo deciso di parlare di Valle d’Itria in senso allargato, come lei dice, è perché si è pensato di proporre un’offerta turistica ampliata. Il piano turistico resta sempre lo stesso: continuare a guardare nella medesima direzione, al fine di crescere ed uniformare i servizi che mettano nelle condizioni il turista di fruire delle nostre bellezze in comodità e semplicità.

PIZZUTOLI PRODUCTION CISTERNINO Produzione di arredamenti su misura e porte

  1. Sempre in riferimento alla domanda precedente, ritiene utile munirsi di una seria rete di collegamenti, attivi dodici mesi su dodici (in particolare nei mesi turisticamente interessanti) tra le tre realtà cittadine della nostra Valle d’Itria?

Che io sappia si stava già lavorando in tal senso, senza dimenticare che si tratta di un processo lungo e complesso per un semplice motivo: si tratta di comuni appartenenti a province diverse e dunque va aperto un dialogo con la Regione. Pertanto speriamo che il prossimo consiglio regionale ed il neo presidente eletto, abbiano la capacità di interfacciarsi con le realtà locali in maniera più incisiva.

LOCOROTONDO LISTA CON TE ANTONIO BUFANO SINDACO

MEBike Puglia Noleggio e Vendita (con incentivi statali) Bici Elettriche in Valle d'Itria

INTERVISTA A MARIANNA CARDONE, CANDIDATA SINDACA PER LA LISTA

“INNOVA LOCOROTONDO”

MARIANNA CARDONE candidata sinadaca Locorotondo - lista INNOVA LOCOROTONDO

BREVE PRESENTAZIONE della CANDIDATA

Marianna Cardone ha 44 anni ed è il Direttore Commerciale e Marketing della cantina di famiglia che porta il suo cognome. Sposata da 15 anni con Fabrizio Belnome da cui ha avuto due figli Francesco di 12 e Matteo di 10. 

Cantine Cardone Locorotondo

Pallavolista per più di 10 anni, al momento si divide tra lo sci e il jogging in Valle d’Itria. Vicepresidente del CRSFA di Locorotondo e Delegata Regionale per la Puglia dell’Associazione Nazionale “Le Donne”.

Per iniziare, una curiosità: come mai, prima donna locorotondese a candidarsi alla guida della città, ha scelto di declinare al femminile (N.d.R. cosa che peraltro ci trova certamente d’accordo) la parola sindaco in sindaca?

Il mio impegno, iniziato diversi mesi prima dell’ufficialità della candidatura come “sindaca”, è stato focalizzato a costruire un progetto insieme ad un gruppo di persone, molte delle quali mi accompagnano in questa avventura, fondato sul rinnovamento.

Marianna Cardone sindaca a Locorotondo. Il CAMBIAMENTO è POSSIBILE

E non si poteva non cominciare dal genere per segnare discontinuità: appunto “sindaca”. Da noi ha una valenza forte anche in dialetto, nel rispetto della tradizione, crediamo sia immediato e ci piace che venga accolto.

Puntocasa Immobiliare Ostuni. Una finestra sulla città bianca e Territorio

Dopo lunghi anni di predominio politico-amministrativo – a Locorotondo – di amministrazioni di centrodestra, quale giudizio può dare sull’operato svolto, soprattutto in riferimento ai due ultimi mandati guidati dall’ex sindaco Tommaso Scatigna? E, ancora ed in particolar modo, la sua lista, INNOVA LOCOROTONDO, come e cosa intende innovare la vita amministrativa dei locorotondesi tutti?

Gli ultimi due mandati Scatigna hanno dimostrato come l’immobilismo amministrativo metta a dura prova gli incredibili sforzi fatti da cittadini e imprenditori per lo sviluppo di Locorotondo. Una conduzione fatta di continue “retromarce”, che ha generato confusione e malcontento. Abbiamo una carenza di servizi pubblici e dobbiamo rivederne l’architettura nel profondo, o non saremo in grado di creare il necessario coordinamento per rispondere ai cittadini nel modo più efficiente possibile. Al momento funziona solo la rete dell’associazionismo privato e del volontariato. Il cittadino è inascoltato, troppo spesso considerato solo per le elezioni.

Marianna Cardone e il Territorio tutto locorotondese

Abbiamo riscontrato tanto scontento soprattutto nell’agro dove i servizi possono fornire molto, anche in campo turistico, senza contare che la rete idrica è un diritto di tutti i cittadini e non un tema elettorale.

LA PIGNATTA Trattoria Pizzeria a Locorotondo QUALITÀ LOCOROTONDESE in VALLE d'ITRIA ECCELLENZE GASTRONOMICHE

Quale è stata la molla che ha fatto scattare in Lei, nota ed apprezzata imprenditrice nel settore vinicolo, la voglia di impegnarsi e confrontarsi specificatamente nell’agone politico ed amministrativo della sua città?

L’ho fatto per i miei figli, per dimostrargli idea di impegno e in questa campagna mi hanno seguito con partecipazione e discrezione. Volevo poter dimostrare loro che alla capacità di guidare l’azienda di famiglia si poteva combinare il servizio per la nostra comunità.

Marianna Cardone e l'impegno lavorativo a Locorotondo

Locorotondo, nei tempi passati, era conosciuta e non certamente solo a livello regionale, per la storia dell’ex Cantina Sociale, avventura poi conclusasi per le note vicende. Lei, come riconosciuta esperta del comparto, quale è la situazione imprenditoriale delle diverse aziende settoriale presenti sul territorio?  

Il territorio della Valle d’Itria è passato dai 18 mila ettari vitati negli anni ’70, quando il marchio del bianco Locorotondo era noto ovunque e producevamo le basi degli spumanti, ai 2 mila attuali.

Cantine Cardone - vigneti in Valle d'Itria

I numeri potevano essere impietosi e invece tutti insieme abbiamo creato una forte identità enoica che non permette di scomparire alla nostra produzione, fino a veder crescere realtà così grandi da poter ambire ad un marchio cappello, il marchio Valle d’Itria , che unifichi le due dop attuali e sia da volano per le uniche ed incredibili condizioni pedocliamtiche del nostro territorio ideale ad esempio per valorizzare le più avanzate tecniche di spumantizzazione e al contempo la biodiversità..

ZIZZI AUTO CISTERNINO. Nuova 500 full electric

Nel caso di una sua vittoria, quali sono le basi programmatiche e progettualità di massima che vuol portare avanti e, ancora, quali potrebbero essere i primi atti amministrativi che ritiene urgenti ed importanti per la comunità locorotondese? E ritiene utile munirsi di una seria rete di collegamenti, attivi dodici mesi su dodici (in particolare nei mesi turisticamente interessanti) tra le tre realtà cittadine della nostra Valle d’Itria?

Secondo INNOVA deve iniziare una nuova era, 4.0, a disposizione dei cittadini locorotondesi sfruttando in primis 4 direttrici per ripartire: Senso civico e partecipazione; Innovazione e sostenibilità; Rispetto delle tradizioni e della cultura popolare; Sostegno al Turismo e alle piccole e medie imprese.

INNOVA LOCOROTONDO e NUOVA ERA 4.0Deve iniziare infine una nuova fase per le infrastrutture, con opere pubbliche e sostegno al mondo associativo e imprenditoriale per ripartire. Locorotondo deve superare lo stato di isolamento dal resto della regione a diversi livelli: il primo passo deve essere riprendere le relazioni, anche al di fuori delle mura del proprio paese. I primi atti amministrativi riguarderanno la chiusura del bilancio dopo la parentesi del commissariamento che è seguito alle dimissioni di Scatigna per correre alle regionali lasciandoci in stand by; la ricognizione dello stato delle opere pubbliche; presidio alla ripartenza delle scuole post Covid, a cui è collegato tutto in particolare in relazione al trasporto scolastico che è la criticità maggiore del Comune.

Valle d'Itria Territorio & DintorniUn tavolo di confronto con le amministrazioni vicine è possibile e sarebbe il modo migliore per scegliere per creare un network funzionale della Valle d’Itria.

MARIANNA CARDONE candidata sinadaca Locorotondo - lista INNOVA LOCOROTONDO

Cisternino Casa Vacanza Madonna d'Ibernia

INTERVISTA A FABIO LOTITO, CANDIDATO SINDACO PER LA LISTA “MOVIMENTO 5 STELLE”

FABIO LOTITO candidato sindaco per M5S Locorotondo

  1. La sua candidatura a Sindaco di Locorotondo per il Movimento 5 Stelle, al di fuori dei due classici schieramenti di centrodestra e centrosinistra, quale proposta amministrativa e politica vuol rappresentare per i locorotondesi?

La nostra comunità esce da 10 anni di amministrazione Scatigna, Speciale, Antonelli, Spalluto, Giacovelli, Prete, Palmisano, De Michele quasi tutti ricandidati, altri rappresentati, uomini e donne che hanno lasciato che il paese venisse abbandonato dal sindaco nel momento peggiore nella storia del dopoguerra!

M5S LOCOROTONDO per FABIO LOTITO SINDACO

Le responsabilità devono e sono riconoscibili, non dobbiamo e non possiamo far finta di niente ed addossare tutto sulle spalle del sindaco dimissionario. La vecchia e stantia politica non ha fatto altro in questi anni che fare propaganda, anche durante l’emergenza Covid. La nostra proposta politica và nella direzione opposta, ridiamo voce, spazio, rappresentanza ai cittadini, uomini e donne “nuovi” fuori dalle logiche che hanno ingessato questo paese negli ultimi 10 anni.

FABIO LOTITO CANDIDATO SINDACO M5S A LOCOROTONDO E CANDIDATI CONSIGLIERI

  1. Il movimento politico che rappresenta quale giudizio esprime sull’ultimo decennio di guida amministrativa dell’ex sindaco Tommaso Scatigna?

La gestione Scatigna è stata deludente, priva di una visione di futuro, senza idee e senza progetti, i suoi assessori impegnati nella gestione ordinaria presi dalle emergenze ed occupati a mettere “toppe” senza progetti di ampio respiro e senza programmazione. Il paese oggi può contare dopo 10 anni solo sulla nascita di qualche “palazzina” ad uso abitativo privato ed alla creazione di un quartiere “mostro”.

Gusto a Cisternino BAR FOD PINTO

  1. Lei, nella vita di ogni giorno, è un imprenditore. La sua esperienza professionale, nel concreto e chiaramente in ambito cittadino, quali vie programmatiche possibili vorrebbe portare avanti per dare sviluppo futuro nel contesto lavorativo locorotondese e, in particolare, a favore dei concittadini più giovani?

LOCOROTONDO CANDIDATI M5S ELEZIONI COMUNALI 2020 per FABIO LOTITO SINDACO

Con la parola giovani si riempiono pagine di giornali con fiumi di inchiostro, nel nostro gruppo siamo andati oltre la parola chiedendo a loro di impegnarsi in prima persona per raccontarci chi sono cosa sognano e come vorrebbero vedere la loro comunità, quali prospettive per il futuro e quali contenitori culturali e sociali utilizzare. La politica deve creare le condizioni migliori, deve favorire l’aggregazione, lo sviluppo attraverso la mediazione e le risorse. Lo sviluppo del turismo e delle figure professionali collegate, tutto il comparto agricolo “bio”, la produzione energetica “verde” con lo sfruttamento delle energie rinnovabili superando il fossile, tutti i lavori “nuovi” collegati ai socials, alle arti, alle abilità.

 SAMSARA CENTRO BENESSERE CISTERNINO by ISHI trattamento snellente anticellulite

  1. In futuro quale sogno coltiva per il bene complessivo della sua cittadina (e, ovviamente, di tutta la comunità) su temi quali l’ambiente, la crescita sociale, le infrastrutture e l’urbanistica?

Abbiamo tutti un sogno, ci accomuna la voglia di realizzare questi sogni, ci impegniamo da quasi 10 anni proprio perché sogniamo un impianto sportivo adeguato per le attività paraolimpiche, sogniamo un luogo dove poter provare con la band, sogniamo Via Nardelli senza asfalto con una pavimentazione in pietra, sogniamo il centro storico con cartelli ed arredi ordinati e coordinati, senza antenne sulle cummerse, sogniamo una campagna senza roghi notturni utilizzati per smaltire i rifiuti, sogniamo tanti parcheggi distribuiti in tutto il paese capaci di accogliere i turisti, sogniamo un palazzetto dello sport in grado di ospitare al meglio le eccellenze sportive del nostro paese e le giovani generazioni che si avvicinano allo sport quale unica medicina alla droga, alcol, gioco d’azzardo, sogniamo aree verdi attrezzate per i nostri bambini, sogniamo di realizzare pozzi per dare l’acqua a chi non l’ha mai avuta se non a parole, sogniamo pannelli solari sui tetti dei palazzi comunali per produrre energia pulita a costo 0, sogniamo scuolabus ecologici, sogniamo rallentatori di velocità sui tratti di strada e contrade più pericolosi, potrei continuare per ore potremmo raccontarvi i nostri sogni per giorni solo perché sono i sogni di tutti, sono i bisogni della nostra comunità rappresentati dai cittadini in questi anni.

M5S LOCOROTONDO per FABIO LOTITO SINDACO 

  1. Locorotondo, con Cisternino e Martina Franca, rappresenta appieno quella Valle d’Itria geograficamente autentica di cui, non poche cittadine vicine, si dicono parte integrante. Cosa ne pensa e ritiene utile che si (con)divida una appartenenza costruita ad arte e allargatosi solo per convenienze di altro tipo? E, sempre a proposito, quali piani turistici ritiene utili per Locorotondo ma, anche, per l’intera Valle d’Itria?

La Valle d’Itria è un luogo meraviglioso, i suoi centri sono letteralmente presi d’assalto dal turismo di passaggio, le presenze turistiche sono solitamente riferite al fine settimana e nel caso del turismo estero non supera la settimana. Dobbiamo necessariamente lavorare insieme, il turista deve rimanere in valle il più a lungo possibile, deve trovare sul territorio tante occasioni di svago, di cultura, di interesse archeologico, di benessere, dobbiamo valorizzare le “piazze” delle contrade, dobbiamo ridare slancio alle sagre, alle iniziative delle associazioni culturali che tanto hanno fatto in passato per creare quello che siamo oggi, in sintesi dobbiamo distribuire il flusso turistico dal paese alle contrade, solo sfruttando tutte le risorse possibili riusciremo ad avere delle presenze più lunghe e qualificanti.

MOVIMENTO 5 STELLE LOCOROTONDO VOTA FABIO LOTITO

Banner Content
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Article